Una vita a foglietti

Confusione

confE’ un po’ che mi faccio domande sulla dignità. Tra persone che non hanno nessuna voglia di continuare storie vecchie e logore, cosa deve prevalere? La famiglia che hanno, forzatamente, costruito e tenuto in piedi, o la dignità di una vita che valga la pena di essere chiamata così?

Cosa ci chiederebbe Dio in questo tempo? Forse è già strano chiedersi se ci devono essere domande diverse. In fondo l’insegnamento dovrebbe essere unico, per tutti e per tutti i tempi. Ma perché mi faccio questa domanda? Sono le conclusioni sbagliate o i punti di partenza?

Confusione

La sincerità è una qualità importante del nostro essere cristiani, ma allora perché si nascondono così tante cose? Si può sempre immaginare che a monte delle nostre scelte ci debba essere una consapevolezza importante, ma più andiamo avanti con questa vita fatta di esempi falsi e ingannevoli, più si hanno difficoltà a riconoscere le scelte e le persone giuste. Tutto ha troppi punti di vista. Qualcosa che sia assoluto non c’è più, ogni situazione ha tante sfaccettature che può in ogni caso dare letture diverse e quindi motivi di ragione un po’ su vari fronti …..

Ieri c’erano sogni da sognare per cose che effettivamente non si conoscevano. Si sognavano luoghi di cui si avevano notizie quasi leggendarie, si anelava a una libertà che meritava anche un sacrificio di sangue, studiare era un mezzo per volare lontano … Oggi abbiamo tutto da poter vedere, sappiamo tutto di tutto, l’Universo è il luogo meno conosciuto, ma ci stiamo attrezzando. La libertà è un concetto nemmeno più da definire astratto, ma quasi ridicolo. Si è liberi in base alla forza economica che possediamo che ci rende più o meno impunibili. La scuola è una concessione per tutti, ma questo le ha fatte diventare per molti aree di parcheggio nell’attesa di un futuro che un giorno arriverà. Come si è arrivato a tutto questo?

Rispondi