Una vita a foglietti

E138403 – Gennaro Sannino

muroCava 11/11/13

Qualcuno dice che quando leggi dei fogli velocemente, vuol dire che sono ben scritti. Io l’ho fatto in fretta.

A me hanno fatto pensare ad altri fogli, dove trovi sensazioni che vivi e non si mostrano, quel perdere, ma che è più perdersi.

Mi piace, anche se davvero l’interpretazione può essere varia, e che fine fa chi, è un po’ quello che vogliamo anche noi. A me fa rabbia la paralisi del protagonista, anche se quella condizione di spettatore, appartiene purtroppo a molti di noi.

E poi il periodo storico è davvero lontano. Ricorda qualcosa che l’uomo, a dispetto dei dubbi, è stato capace di fare, di mantenere, e poi per fortuna cambiare. Quello che rimane sempre attuale è la nostra incapacità di mordere la vita. Spesso lasciamo che scorra oltre le nostre finestre, mai dentro le nostre stanze.

Comunque grazie. Ogni cosa che ci fa riflettere merita un appunto.

Rispondi