Una vita a foglietti

Klaidi Sahatçi e Merita Rexha Tershana con violino e pianoforte creano magia alle Corti dell’Arte

Ho impiegato qualche giorno in più per scrivere il pezzo della penultima serata delle Corti dell’Arte e non me ne spiegavo il motivo. Poi ho voluto riascoltare qualche nota di quei brani che Merita Rexha Tershana al pianoforte e Klaidi Sahatçi al violino ci hanno regalato nella Corte del Teatro Comunale a Cava, e ho immediatamente pensato che ne ero stata così colpita da aver avuto bisogno di molto più tempo  per assaporare fino in fondo la bellezza di una tale esibizione.

I due maestri hanno iniziato con Edvard Grieg, Sonata n. 3 in do minore per violino e pianoforte, op. 45 ed è stato subito chiaro lo spessore della serata che ci aspettava e d’altra parte, Eufemia Filoselli, nel presentarli, aveva ancora una volta sottolineato il target internazionale e l’alto livello dei due talenti che avevamo a disposizione.

Merita Rexha Tershana è una delle pianiste più attive in Albania e tiene i suoi concerti in tutta Europa. Si presenta con un abito lungo, dello stesso colore ramato dei suoi capelli e un sorriso luminoso, quasi quanto le sue dita che voleranno dolcemente sulla tastiera.

Klaidi Sahatçi  è un virtuoso del violino e porta con sé uno Stradivari del 1719 che in qualche modo garantisce e annuncia le sue capacità. Che, assolutamente, non saranno per niente disilluse.

Piccoli tocchi per dare il via all’esibizione e subito si crea una seduzione, come un mago che raccoglie note dall’aria e le trasforma in un legame di complicità. È un movimento unico, il corpo che segue il ritmo come a sottolineare uno sforzo quasi fisico, per cercare un riparo ma non un riposo. Il cammino è ancora lungo. Lui segue il suo ritmo, lei fa lo stesso con la morbidezza delle mani, per regalarci un suono che è sempre esplorazione, ricerca.

Nel secondo brano non c’è più lo spartito: Camille Sait-Saëns Introducion et Rondò capriccioso, op. 28. La tentazione di chiudere gli occhi e lasciarsi andare è troppo forte. Un viaggio sulla fiducia senza conoscere né la meta né il mezzo di trasporto. Unica certezza è l’andare. Profondi sospiri, come ad assaporare il gusto di queste note che saziano l’anima. Passaggi ripetuti fino allo sfinimento, a voler sottolineare l’importanza di qualcosa, come una preda che non deve scappare al suo inseguitore.

Un violino mozzafiato. Un vero fuoriclasse.

Si conclude con Brahms, Sonata n. 3 in re minore per violino e pianoforte, op. 108.

Ormai tutta l’aria si è riempita di questa dolcezza. Né è talmente satura che nulla, dall’esterno, si è permesso di disturbare un tale incanto. Perfino le mura si sono nutrite di quelle ombre che, come il loro originale, ovunque regalano qualità immensa.

Siamo stati dissetati per oltre un’ora e all’improvviso ci sentiamo aridi senza quella musica, che per fortuna ritorna con “Sicilienne” di Maria Theresia von Paradis.

Le mani morbide di lei, i movimenti, delicati, a volte impercettibili, che senti più che vederli, grazie a quell’armonia che creano per noi.

L’applauso per loro, lunghissimo, sincero, sentito e dovuto, cerca di ripagare per quanto abbiamo ricevuto.

Eufemia torna, visibilmente emozionata quanto noi e, oltre a ringraziare Giuliano Cavaliere, Direttore della Rassegna, per aver portato qui da noi ancora musicisti di eccezionale caratura, può solo aggiungere “Che meraviglia”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: