Una vita a foglietti

La musica nel cuore (film)

musE’ il titolo di un film di qualche anno fa che ho visto “per caso”, ma io al caso non ci credo, l’altra notte. Io che alle 21.00 max 22.00, se mi siedo dormo! Ma l’altra sera no. E così ci siamo trovati, il film ed io. La trama è di quelle che mi fanno piangere, bambini abbandonati, amori spezzati, vite confuse. Ma quello che mi è rimasto forte impresso nell’anima è stata quella forza che esiste dentro le persone. Quella cosa che vuole ad ogni costo conquistare uno spazio, che muove i tuoi passi, che ti fa prendere delle decisioni. E in un bambino, dove costruzioni artificiali non ce ne sono ancora tante, trovano ancora più vitalità.

Quel bambino che trasformava ogni gesto, ogni rumore fuori di lui, in note che diventavano armonie, perché sentiva che era l’unico legame per andare incontro a genitori che non sapeva neanche di avere, sconosciuti che gli avevano donato la vita, lo avevano perso, ma che per ritrovarlo, gli avevano trasmesso quel filo che li avrebbe fatti riunire tutti.  Quella forza che lo trascinava è stata un’ennesima prova che qualcosa dentro di noi è più forte delle apparenze, degli intoppi, dei problemi. Lasciar vivere il nostro cuore, quando è un cuore puro, è un dovere che abbiamo verso chi ci ha donato queste capacità. Ed è stato bello scoprire la gioia che ripaga del dolore, perché ti accorgi che anche il dolore è un pezzo di strada, quella in salita, ma che ti fa “spezzare il fiato”, ti rende forte nella resistenza. E quella gioia che a me è arrivata come una valanga, a volte l’ho restituita in qualche pezzo di carta. Quello che ho scoperto di nuovo, è che le cose più “belle” che sento di aver scritto, sono quelle dove l’anima si fa a pezzi. Non necessariamente per dolore, anche se capita molto più spesso, ma anche per molta gioia: insomma quando hai davvero qualcosa da liberare, senza freni, senza “pensarci” troppo. E’ la vita che vuole essere raccontata, non le elaborazioni cerebrali. Pensiamo perché abbiamo bisogno di una grammatica, ma le parole ce le deve dettare solo il cuore.

Rispondi