Una vita a foglietti

Pazzia

PazziaOggi è pazzia amare

È pazzia insegnare

E’ pazzia essere coerenti

E’ pazzia parlare

E’ pazzia credere.

Però il pazzo sa avere delle illusioni, può addirittura sperare che delle parole possano essere affidate ad un foglio di carta, perché un foglio è un piccolo oggetto quasi senza peso che può volare libero e portare in giro le sue piccole paroline, quei piccoli segni che letti di seguito dovrebbero avere un senso.

Ma cosa sa del senso un pazzo? Lui non sa che non si ama con le parole, non con l’insegnamento, non con la coerenza, non con il dialogo e soprattutto non deve credere che le illusioni possono volare. Tutto deve rimanere dentro “sani principi” che restano chiusi dentro le case, dietro sguardi di ipocrisia, di gesti di convenienza.

Perché le parole pesano.

Anche se messe su un leggerissimo foglio, pesano come macigni.

Come l’amore malato, come la falsità, come l’ipocrisia. Perché ammazzano il cuore.

Ma un pazzo, cosa può sapere?

Rispondi