Una vita a foglietti

Teatro – terapia – autismo: a Napoli si lavora per questo!

locandina-ideas2014-680x365Da Vivimedia

A Napoli, il 27 e il 28 giugno 2015, presso il Complesso Monumentale di Santa Maria della Pace -Sala del Lazzaretto, si terrà una Summer Edition del corso IDEAS, che già a gennaio aveva avuto, nella città partenopea, un grande successo, visto il tema affrontato: il teatro e i ragazzi disabili, con uno sguardo particolare ai bambini autistici.

Il corso IDEAS,tenuto dal professor Silvano Solari in tutta Italia, è stato abbracciato dall’Associazione onlus “Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO”, che si occupa appunto dell’autismo visto dalla prospettiva dei genitori, e che interessa un vasto numero di categorie tra psicologi, assistenti sociali, medici, terapisti, neurologi, educatori, senza ovviamente dimenticare genitori e studenti.

Fondata nel 2011, l’Associazione ha come obiettivo principale, mettere in evidenza il vissuto dei soggetti affetti da autismo e delle loro famiglie che ogni giorno si scontrano con una realtà difficile e faticosa che spesso devono vivere da soli. L’unione vuole appunto stare a testimoniare come le iniziative che possono portare benefici e miglioramenti nella qualità della vita di questi nuclei familiari, devono essere divulgate e sostenute, per migliorare la qualità e le aspettative di vita delle persone autistiche e dei loro parenti.

Il corso nasce da motivazioni specifiche: l’interazione dei soggetti autistici è una delle problematiche maggiori che devono affrontare e dunque ciò che serve è l’acquisizione di una metodologia che potenzi le abilità sociali e la comprensione e l’espressione delle emozioni.

Abbinare questo obiettivo attraverso la drammatizzazione tipica del teatro, è uno degli approcci che negli ultimi anni ha ottenuto un riconoscimento anche nella letteratura internazionale.

Gli obiettivi del percorso e gli strumenti utilizzati sono :
• Far migliorare le capacità relazionali e comunicative;
• conoscere e comprendere stati d’animo, sentimenti ed emozioni altrui;
• sapersi immedesimare in situazioni psicologiche ed ambientali diverse;
• comunicare attraverso il corpo e il movimento;
• scoprire nel gioco drammatico il piacere di muoversi, agire, inventare, esteriorizzare e comunicare efficacemente;
• utilizzare il giocodramma come il “luogo” in cui è possibile vivere ed esprimere i propri bisogni psichici;
• esprimere e vivere nel giocodramma le relazioni interpersonali con i conflitti che le caratterizzano e le dinamiche ad esse connesse.

Tutto questo può essere utilizzato con bambini, adolescenti ed adulti.

Al termine del corso , gli operatori interessati potranno utilizzare i progetti IDEAS per avviare Progetti di teatro – terapia con bambini o ragazzi o giovani adulti con SDA.

I Progetti verranno elaborati con gli esperti e durante l’anno potranno essere verificati in itinere online.

Dopo 6 mesi o un anno si potrà fare la verifica insieme, con un corso di formazione in azione. Utile anche per il conseguimento del titolo di Esperto in teatro – terapia IDEAS.

Ancora una volta l’arte viene in soccorso degli uomini.

Quando il peso di corpi e sensazioni diventano così ingombranti da far credere che l’unico modo per sbarazzarsene è la violenza, il teatro può insegnare che invece le emozioni, trasferite idealmente in un corpo nuovo, non nostro, possono essere gestite meglio, con maggiore equilibrio.

Da qui la speranza che la vita stessa diventi poi un teatro permanente per questi giovani che hanno un altro modo di guardare la realtà, non sbagliato, non cattivo, solo diverso: e forse sta a noi dargli semplicemente l’opportunità di raccontarcelo.

 

 

Rispondi