Una vita a foglietti

Un nuovo giorno

nuovoCava 13/12/13

Sono senza fiato. Camminare tanto con il busto del mattino, in salita, non è il massimo. Poi sono a piedi perché la macchina ci ha lasciati per strada. Insomma come inizio non è niente male, se ci aggiungo che ieri è stata una giornata terribile, di una tristezza e di una delusione incredibile, potrei pensare di sentirmi leggermente negativa.

Invece no. Sono senza fiato ma sorrido, il cuore mi si è aperto di nuovo, quella che poteva essere una rottura è diventata forza nuova. Cosa non fa fare l’affetto, la sincerità, la voglia di comprendersi! Fai da arbitro in partite silenziose, dove non c’è in palio una coppa, ma molto di più. C’è la famiglia da tutelare, gli equilibri che si devono rispettare. E fare un passo indietro ti regala balzi in avanti: nella conoscenza, nel poter dire che anche se da genitori andiamo incontro ai figli, non è per debolezza, ma perché sappiamo gestire meglio l’orgoglio. E così hai negli occhi l’abbraccio padre e figlio, per la strada i discorsi nascono tra noi di nuovo spontanei, di nuovo a condividere il mondo che ci circonda. Ancora a parlare del futuro.

E si capisce che la mia non è per niente una cattiva giornata.

Rispondi